Tav, Toninelli: avanzamento dei lavori atto ostile

ROMA - Il ministro Toninelli attacca ancora sulla Tav. "Teniamo gli occhi aperti sul cantiere e, come detto, considereremo quale atto ostile ogni decisione che faccia avanzare il Tav prima che arrivi una scelta politica da parte del governo", ammonisce Toninelli, che accusa: "Nei giorni scorsi il Cipe ha dato il via libera a una serie di modifiche alla cosiddetta 'delibera 30' sul Tav Torino-Lione. Il testo è di fine aprile ed è stato messo a punto dal governo precedente, nonostante la batosta elettorale appena presa che lo obbligava ad agire solo per gli affari correnti, cioè per quasi nulla. Invece si è comportato come una sanguisuga sulla carne viva del popolo italiano. Ma state tranquilli - conclude il ministro dei Trasporti - non è nulla che possa influire in modo decisivo sulla analisi costi-benefici che finalmente stiamo conducendo in maniera seria e obiettiva".

0 commenti:

Posta un commento