Italia Ricette: Orata alla mediterranea

Parliamo oggi di una ricetta a base di pesce: l'orata alla mediterranea. Le carni magre di questo pesce d’acqua salata si sposano alla perfezione con ingredienti più stuzzicanti e appetitosi come le olive nere dal gusto intenso, i capperi con la loro caratteristica nota aromatica e i polposi pomodorini ciliegino.

INGREDIENTI
Orata (2 pezzi) 700 g 
Olio extravergine d'oliva 30 g 
Sale fino q.b. 
Pepe nero q.b. 
Aglio 2 spicchi 
Olive nere denocciolate 100 g 
Pomodorini ciliegino 200 g 
Timo q.b. 
Capperi sotto sale 1 cucchiaio

PREPARAZIONE
Per realizzare l’orata alla mediterranea iniziate dalla pulizia del pesce: prendete ciascuna orata, tagliate via le pinne con le forbici e procedete a desquamarla con l’apposito attrezzo oppure usando la lama di un coltello, passandolo più volte dalla testa fino alla coda. Ora con le forbici praticate un taglio sul ventre del pesce dalla coda fino alla testa ed estraete le viscere interne sciacquate poi sotto l’acqua corrente l’orata per ripulirla di tutti i residui sia all’interno che all’esterno.
Farcite ciascuna orata con gli aromi: i rametti di timo fresco, 1 spicchio d’aglio sbucciato ciascuna e per finire salate e pepate.
Prendete una pirofila da forno, irrorate il fondo con l’olio di oliva, adagiate le due orate farcite, quindi lavate i pomodorini ciliegino e tagliateli a metà, distribuiteli nella pirofila intorno alle due orate, poi sciacquate accuratamente sotto acqua corrente i capperi per eliminare il sale in eccesso e uniteli alle orate, aggiungete anche le olive nere denocciolate, profumate con un paio di rametti di timo fresco e irrorate le orate con un filo di olio di oliva; condite per ultimo con il sale. Ora cuocete l’orata alla mediterranea in forno statico preriscaldato a 200° per 25-30 minuti. A cottura ultimata sfornate l’orata alla mediterranea e servitela accompagnandola con i pomodorini e le olive.
Potete conservare l’orata alla mediterranea in forno per un giorno al massimo. Si sconsiglia la congelazione.

0 commenti:

Posta un commento