Etruria: Renzi esclude passo indietro Boschi

ROMA - Il segretario del Pd Matteo Renzi esclude che Maria Elena Boschi possa rassegnare le dimissioni. "Un politico si fa giudicare dai cittadini quindi saranno le elezioni a giudicare se qualsiasi politico, non solo Boschi debba tornare in Parlamento", ha detto il segretario dem in un'intervista a TgCom24, "è una discussione che non esiste".

"La vicenda di Banca Etruria  è priva di "conseguenze penali", ha sottolineato Renzi commentando  le rivelazioni in commissione banche di Federico Ghizzoni, ex numero uno di Unicredit, che confermano l'interessamento della sottosegretaria, all'epoca ministra, alle sorti dell'istituto.

Renzi ha anche detto che non sapeva nulla della mail inviata da Marco Carrai a Ghizzoni  per sollecitargli una decisione sulla possibile acquisizione di Banca Etruria.

"È giusto fare chiarezza, perché chi ha sbagliato sulle banche paghi", ha sottolineato Renzi, "ma mi sembra surreale che la colpa sia solo di una piccola banca di provincia. Si è cercato di guardare il dito quando noi indicavamo la luna. È legittimo, ma sembra una commissione d'inchiesta solo su una singola banca". Il segretario del Pd ha anche detto di condividere la denuncia della Boschi che "sulla vicenda Banca Etruria si è aperta una 'caccia alla donna"'. Sul caso "ci sono stati "incontri legittimi e privi di qualsiasi pressione, e non perché lo dica la Boschi", ha assicurato l'ex premier.

0 commenti:

Posta un commento