Berlusconi: "Bisogna far ripartire la crescita attraverso una politica di tagli fiscali"

ROMA - "Purtroppo in Italia 4,750 milioni di persone vivono nella povertà assoluta, un dato impressionante e inaccettabile in un Paese europeo. C'è un solo modo strutturale di risolvere il problema: far ripartire la crescita attraverso una politica di tagli fiscali, investimenti sulle infrastrutture e riorganizzazione della macchina dello Stato. Questo richiede tempo, intanto dobbiamo affrontare un dramma immediato, occorrono misure di emergenza. Abbiamo pensato a una misura drastica: l'economista premio Nobel Milton Friedman la chiamava imposta negativa sul reddito, io lo chiamo reddito di dignità" ha dichiarato il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ai microfoni di R101.

"Sotto la soglia di mille euro di reddito al mese non soltanto non si dovrà pagare nessuna tassa, ma sarà lo Stato a versare una somma per integrare quanto serve per avere il necessario. Poi abbiamo deciso di aumentare le pensioni minime a mille euro e per i giovani pensiamo a un totale sgravio fiscale e alla decontribuzione per le aziende che li assumono, con contratti di apprendistato e di primo impiego".

0 commenti:

Posta un commento