Serie A: Roma, quattro schiaffi al Pescara. Abruzzesi in Serie B

(Foto ANSA)

di ANTONIO GAZZILLO - Quattro gol e quattro punti di vantaggio sul Napoli. Si può riassumere così la vittoria della Roma all’Adriatico di Pescara nel posticipo del lunedì di serie A. I giallorossi hanno dilagato con facilità, travolgendo, con la loro superiorità tecnica, per 4 a 1 un Pescara poco pericoloso e ormai matematicamente retrocesso in serie B.

Spalletti ha schierato il solito undici titolare fatta eccezione per Emerson sulla fascia e Paredes in cabina di regia al posto di De Rossi, alle prese con problemi fisici; Zeman, invece, ha cercato di mandare in campo una formazione equilibrata, facendo affidamento soprattutto sulle ripartenze di Bahebeck.

La squadra giallorossa, però, non ha lasciato spazio ad incertezze e, nonostante le tantissime occasioni da gol sprecate, si è portata sul doppio vantaggio prima della fine del primo tempo: ha sbloccato il risultato con Strootman, liberato perfettamente da El Shaarawy; poi ha raddoppiato con Nainggolan, servito in area da Dzeko.

Nella ripresa il copione non è cambiato e la Roma ha continuato ad attaccare sfruttando i tantissimi spazi concessi dagli abruzzesi. Ne ha approfittato soprattutto Salah, che ha arrotondato il punteggio siglando una doppietta: l’egiziano ha battuto Bizzarri prima con un tiro preciso da fuori area e poi finalizzando un’azione in velocità di El Shaarawy.

Nel finale il guizzo di Benali è valso il gol della bandiera per gli uomini di Zeman e permette di superare il record di reti segnate in una sola giornata di campionato. 

Con questa vittoria la Roma ha consolidato il secondo posto in vista di un finale di stagione che si preannuncia rovente, in cui i giallorossi dovranno affrontare la Lazio e la Juventus.

0 commenti:

Posta un commento