Serie A: Inter, addio al sogno Champions. Contro la Sampdoria è sconfitta per 2-1

(Foto ANSA)

di ANTONIO GAZZILLO - Inter non fa rima con quella zona Champions, inseguita ossessivamente per tutta la stagione dalla squadra nerazzurra, ma oramai, quasi sicuramente ancora lontana da San Siro per un altra stagione.

Il sogno, già ostacolato dal pareggio esterno di Torino del turno precedente, è stato completamente distrutto da una prestazione orribile che ha permesso alla Sampdoria di imporsi al Meazza per 2 a 1.

I blucerchiati, nonostante l’assenza per infortunio di Muriel, si sono rivelati una squadra compatta e cinica in grado di mettere in crisi l’Inter, davvero nervosa e assai lontana dalla versione bella e vincente varata da Pioli.

Nonostante la scarsa brillantezza dei suoi interpreti migliori e le buone occasioni della Sampdoria fermate dal palo, la squadra nerazzurra è riuscita a chiudere il primo tempo in vantaggio con un gol di D’Ambrosio: un cross di Banega ha trovato l’esterno italiano in area che ha insaccato in rete grazie alla deviazione di Bereszynski.

Il crollo dell’Inter nella ripresa è coinciso con l’infortunio di Gagliardini e non è stato un caso: il giovane centrocampista è ormai diventato il punto di riferimento della squadra, metronomo dei tempi di gioco e vero collante tra difesa e attacco. E l’inserimento di Kondogbia al suo posto non ha sicuramente dato lo stesso risultato.

Se poi si aggiunge, agli ingredienti della pozione suicida, l’errore sotto porta di Icardi, non nella sua serata migliore, ecco ottenuto l’inevitabile tracollo.

Così gli uomini di Giampaolo hanno prima pareggiato con un tocco decisivo di Schick su una sponda di Silvestre per poi passare in vantaggio con un calcio di rigore trasformato da Quagliarella e concesso per un tocco di mano ingenuo di Brozovic.

L’Inter adesso ha davvero poco da chiedere al campionato, nell’attesa del derby con il Milan, ultimissima chance per sperare quantomeno nella qualificazione in Europa League.

0 commenti:

Posta un commento