Contadino morso e stritolato da un serpente

(credits: Mirror.co.uk)

In Tasmania, un pensionato di circa 78 anni è stato vittima di una fine atroce. Winston William Fish, è morto dopo esser stato morso da un Notechis scutatus, comunemente chiamato serpente tigre. L’uomo che è stato assalito mentre si prendeva cura del suo allevamento di pecore, è stato ritrovato all’interno della sua fattoria,a Hobart, con l’animale la cui lunghezza superava il metro e mezzo ancora avvolto al suo collo. A lanciare l’allarme è stato il suo cane. 

Winston era vivo al momento del soccorso da parte del vicino che ha tagliato la testa del serpente con un coltello. La velenosissima specie di Notechis scutatus aveva più volte morso il signor Fish sulla mano e sulla parte interna della coscia. Secondo quanto riporta il Daily Mail Online, l’incidente è avvenuto il 28 gennaio scorso. Il contadino della Tasmania è stato portato d’urgenza all’ospedale di Hobart in elicottero. Il medico legale Olivia McTaggart ha riferito la somministrazione degli antidoti è stata vana. 

Sebbene i morsi fatali siano rari, l’uomo è stato sfortunato e non ce l’ha fatta. Winston è deceduto due giorni dopo a causa della rapida diffusione del veleno fatale all’intero organismo. Secondo gli esperti, evidenzia Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di un evento “tragico ma raro”. La vittima dell’attacco, infatti, è la terza morte conosciuta della Tasmania dal 1948 da morso di serpente.