Migranti, Tunisia: "Sconcertati da parole Salvini"

(ANSA)
Diventa un caso diplomatico l'affermazione del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sulla Tunisia che "esporta spesso e volentieri galeotti". Il ministero degli Esteri tunisino ha convocato l'ambasciatore italiano, Lorenzo Fanara, al quale ha espresso "il suo profondo stupore per le dichiarazioni del ministro" sul dossier immigrazione. Per Tunisi queste parole "non riflettono la cooperazione tra i due Paesi nel campo della gestione dell'immigrazione e indicano una conoscenza incompleta dei vari meccanismi di coordinamento esistenti tra i servizi tunisini e italiani per affrontare questo fenomeno".

Nell'incontro con l'ambasciatore italiano a Tunisi, "il nostro Paese ha ribadito la sua volontà di continuare con il nuovo governo italiano sulla via del consolidamento dei rapporti di fraternità e di collaborazione strategica in vigore tra i due paesi", prosegue la nota del ministero tunisino, postata su Facebook.

Ricordando le frasi di "Salvini, in Sicilia, in cui ha sottolineato che 'la Tunisia, paese libero e democratico non manda in Italia gentiluomini, ma spesso e volentieri galeotti', la nota sottolinea che "il ministro degli Interni italiano ha incaricato" l'ambasciatore "di comunicare alle autorità tunisine che le sue dichiarazioni sono state riportate fuori dal contesto e che è pronto a sostenere la cooperazione" con Tunisi.

0 commenti:

Posta un commento