Embraco, stop licenziamenti sino al 2018. Calenda: soddisfatto

Embraco non licenzierà i suoi lavoratori fino a fino anno. L'annuncio è arrivato dall'ad di Invitalia Domenico Arcuri, che ha spiegato che la trattativa si sta "concludendo in modo positivo". Ci sarà - ha dichiarato - il coinvolgimento del fondo di reindustrializzazione del Cipe e l'attivazione di un fondo per evitare la delocalizzazione".

"E' stato raggiunto l'accordo - ha confermato il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda sulla trattativa per i circa 500 licenziamenti del sito di Riva di Chieri - sulla sospensione dei licenziamenti per avere il tempo di operare sulla reindustrializzazione su cui Embraco e Whirlpool si sono impegnate". Fino a fine 2018 i lavoratori avranno lo stipendio pieno.

"Siamo soddisfatti - ha detto Calenda - ora l'obiettivo è la reindustrializzazione".

"La copertura salariale dovrebbe essere piena per quest'anno - ha spiegato Lino La Mendola della Fiom di Torino, ci aspettiamo che ci sia una soluzione anche dal 1 gennaio 2019. Ci deve essere una soluzione in modo che nessun lavoratore venga cacciato contro la sua volontà. Noi i licenziamenti non li firmiamo".

0 commenti:

Posta un commento