Ministro della Difesa Pinotti: quello sul servizio di leva "non è un dibattito obsoleto"


di ILEANA CIRULLI - E' pensabile un ritorno del servizio di leva? Secondo le parole del ministro della Difesa, Roberta Pinotti, a seguito della sfilata degli Alpini a Treviso si potrebbe valutare questa possibilità, in forma rivisitata rispetto alla naja, cui si sono dovuti sottoporre i giovani italiani fino al 2004. Pinotti ne parla facendo riferimento ad una forma di leva obbligatoria declinata in termini di utilizzo dei giovani e nell'ambito della sicurezza sociale; per la ministra quello sul servizio di leva "non è un dibattito obsoleto", infatti in Europa "si è riaperto non solo in Svezia ma anche in Francia, dove, alle ultime presidenziali, l'argomento è stato toccato da molti candidati, compreso Macron". Non tutti, però, sarebbero destinati a fare i militari, perchè la nuova leva non sarebbe "più solo nelle forze armate, ma con un servizio civile che divenga allargato a tutti". Pinotti spiega: "Da un lato, per le missioni internazionali abbiamo bisogno di militari professionalmente preparati e qui la leva obbligatoria non sarebbe lo strumento più idoneo. Ma l'idea di riproporre a tutti i giovani e alle giovani di questo Paese un momento unificante, non più solo nelle forze armate, ma con un servizio civile che divenga allargato a tutti e in cui i giovani possono scegliere dove meglio esercitarlo. E' un filone di ragionamento che dobbiamo cominciare ad avere".

0 commenti:

Posta un commento