Bob Dylan ritira il Premio Nobel, caso rientrato

(Foto ANSA/AP)

di BEATRICE GALLUZZO - Per chi non se lo ricordasse, Bob Dylan lo scorso ottobre era stato scelto dall' Accademia svedese per ricevere il più illustre tra i premi, per la Letteratura in particolare; un modo per ringraziare il musicista della Poesia che gratuitamente e in quantità ci ha donato.

Chiuso in una sorta di mutismo selettivo, Dylan non aveva risposto all'appello, non aveva parlato dell'onoreficenza nei suoi concerti, e alla fine alla cerimonia per ritirare il premio non ci era andato. Tra i fischi di coloro che lo tacciavano di boria e gli applausi di quelli che leggevano tra le righe un certo significato sovversivo, di protesta, molto in linea con la verve del personaggio in sè; e poi la ribellione (degli altri) alle pompose formalità fa sempre la sua figura.

Ma, dal momento che impegni musicali (una tourneè) in questi giorni lo vedevano a Stoccolma, giacchè che si trovava da quelle parti, ha finalmente ritirato il tanto chiacchierato premio, consistente in una medaglia e un diploma. La cerimonia che si è tenuta in un piccolo hotel era intima e blindata, niente fotografie nè telecamere.
La parte pecuniaria, che ammonta a circa 800mila euro, è però è legata a una condizione, cioè che fornisca un discorso di ringraziamento alla Commissione entro giugno. Lo farà? Forse, ma "La risposta, amico mio, soffia nel vento".

0 commenti:

Posta un commento