Cuperlo: "Renzi avrebbe dovuto essere più umile"

ROMA - "Dal segretario di un partito che esce pesantemente sconfitto dal voto, mi sarei atteso un’assunzione di responsabilità, invece la sensazione è stata quella di una rivendicazione delle buone cose fatte (e ce ne sono) ma tornando, e lo trovo incomprensibile, a una riforma costituzionale che l’elettorato ha bocciato e che, a suo dire, avrebbe potuto arginare la situazione attuale" ha dichiarato Gianni Cuperlo della minoranza Pd in un'intervista al Corriere della Sera.

"Renzi avrebbe dovuto abbassare i toni, analizzare con umiltà un risultato che spinge il Pd al punto più basso, portandolo vicino al rischio implosione. Dico a Renzi: la campagna elettorale è finita, non possiamo aprirne subito un’altra. Abbiamo due sentieri davanti: ricostruire il rapporto col Paese cercando di capire cosa si sia spezzato nel nostro legame con l’elettorato. E affrontare il nodo di una riforma elettorale che non consente la formazione di una maggioranza. Nessuno chiede i caminetti ma di fronte a una successione di sconfitte fino a questa, non si può pensare di risolvere un grumo di problemi con una nuova conta, o solo con primarie che riproducano meccanismi già visti". 

0 commenti:

Posta un commento