Salvini, "L'Ue ci chiede nuove tasse? Faremo esattamente il contrario"

(lapresse)
ROMA - Il leader del Carroccio Matteo Salvini replica duramente alla richiesta di manovra correttiva ventilata a Bruxelles: "L'ultima cosa per tornare a crescere sono nuove tasse", scrive Salvini su Facebook.

Gli elettori, ha continuato, "ci hanno votato per fare l'esatto contrario di quel che l'Europa ci ha suggerito con la minaccia o con l'asservimento dei governi degli ultimi anni". Salvini si è quindi soffermato sull'ipotesi di Paolo Savona a ministro dell'Economia: si tratta, ha osservato il capo del Carroccio, di "una personalita' specchiata, riconosciuta e apprezzata" che, "forte della sua sapienza", potrebbe andare "ai tavoli europei non a far casino ma a rimettere in moto un motore che altrimenti è fermo" e "a ridiscutere, a ricontrattare norme, vincoli e regolamenti per il bene dei cittadini italiani".

"Qual è - ha aggiunto Salvini - il difetto del professor Savona, onestissimo e dignitosissimo professore che vorrebbe mettersi a disposizione del suo Paese che pare abbia avuto in passato dubbi sull'euro? Domando a me stesso - ha concluso il leader della Lega - se ha un senso il voto libero, democratico e sovrano degli italiani. Se questo voto va rispettato quale è il problema?".


SPREAD RIMONTA A 188 PUNTI BASE - Continua a regnare la volatilità sul secondario italiano, con lo spread che torna a impennarsi portandosi in area 188 punti base, in concomitanza con le dichiarazioni online del leader della Lega Matteo Salvini che ribadisce il suo sostegno a Paolo Savona, indicato questi giorni fra i possibili candidati al ministero dell'Economia.

Le posizioni euroscettiche di Savona non sono apprezzate dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella né dai mercati.

Lo spread Btp-Bund è balzato da area 184 punti base a 188, e alle 13,25 circa quota 186 punti base. Alla stessa ora il rendimento del decennale Btp di riferimento quota 2,38%, ai massimi di seduta.

0 commenti:

Posta un commento