Visualizzazione post con etichetta VENETO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta VENETO. Mostra tutti i post

Venezia, Msc Opera sperona battello: 5 feriti

VENEZIA - Momenti di paura stamani nel canale della Giudecca, a Venezia, dove la nave da crociera Msc Opera ha speronato stamattina un battello turistico. A renderlo noto il sito del Corriere della Sera, che ha pubblicato una fotografia dell'incidente avvenuto. Il vaporetto coinvolto era adibito a un tour delle ville venete lungo il corso del Brenta.

Cinque le persone ferite nella collisione, secondo l'Agi. Un ferito è a bordo della Opera e gli altri quattro a bordo del natante vaporetto 'Michelangelo', che era ormeggiato in banchina. Al momento non risultano dispersi. Lo scontro è avvenuto a causa di un'avaria: secondo le prime informazioni i rimorchiatori non sarebbero riusciti a contrastare lo scarrocciamento della nave, che è finita così contro il battello.

TONINELLI: 'ORA STOP ALLE NAVI IN LAGUNA' - "Il piano alternativo" per le grandi navi a Venezia "era già pronto dallo scorso novembre" e condiviso con autorità locali e armatori, "peccato che sia stata bloccata subito dal Mit e che in tutti questi mesi il Ministro Toninelli non abbia più preso una decisione definitiva limitandosi all'ipotesi, assurda per molti, di far attraccare le navi a Chioggia, ossia in mare aperto". Ci auguriamo che il Ministro competente risolva la questione una volta per tutte". Così il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, e la deputata veneziana, Ketty Fogliani.

Scuolabus si ribalta: autista in fuga


PADOVA - Momenti di paura ad Arquà Petrarca, nel Padovano, a causa del rovesciamento di uno scuolabus pieno di studenti. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza il mezzo, mentre gli ultimi feriti venivano trasferiti per controllo in pronto soccorso di Monselice (Padova). Ad intervenire sul posto i carabinieri e la polizia stradale per i rilievi del sinistro. Secondo quanto si è appreso da fonti investigative l'uomo che si trovava alla guida dello Scuolabus che si è rovesciato provocando il ferimento di sette ragazzini è attualmente in fuga. Si tratta di un 51enne di nazionalità rumena.

Dottoressa 'strakanovista' con doppio lavoro all'Usl


di PIERO CHIMENTI - Una dottoressa svolgeva da anni un doppio lavoro, con conseguente doppio stipendio, all'Usl. La doppia attività, vietata per legge, veniva svolta nella guardia medica nel trevigiano e nella casa di cura privata "Città di Rovigo". Da qui la decisione dell'ente pubblico di non far svolgere più alla donna il servizio di guardia medica.

Donna narcotizza il figlio per ucciderlo


PADOVA - Aveva ormai preso la decisione più estrema: uccidersi con il figlioletto di 5 anni, che aveva imbottito in auto di psicofarmaci, ma è stata bloccata dai carabinieri di Piove di Sacco, nel Padovano, dopo aver inviato alcuni messaggi vocali ai familiari, in cui aveva manifestato le sue intenzioni. 

La donna è finita in manette, arrestata in flagranza per tentato omicidio aggravato e portata in una struttura psichiatrica: il fatto è successo nella notte tra il 29 e il 30 aprile scorsi, ma la notizia è stata diffusa solo oggi. Il bimbo si trova ancora in ospedale, ma fuori pericolo di vita: era stato trovato dai soccorritori nel sedile posteriore dell'automobile privo di sensi: ora è sotto controllo, per sospetta assunzione di benzodiazepine.

Migliorano le condizioni per neonato trovato vicino cimitero


di PIERO CHIMENTI - Si chiama Giorgio, come l'infermiera che l'ha soccorso tenendolo tra le sue braccia durante la corsa in ospedale di Rovigo in cui, posto nella culla termica, ha mostrato di avere sin da subito un grande appetito. Il neonato è stato trovato vicino al cimitero di Rosolina Mare da alcuni passanti mentre si recavano a salutare i cari estinti. Il neonato di etnia caucasica è stato rinvenuto ancora con il cordone ombelicale attaccato e la placenta.

Wedding planner 35enne trovata morta nella sua abitazione


di PIERO CHIMENTI - Sgomento nell'Isola di Giudecca, dove una donna di 35 anni è stata trovata morta nella propria abitazione. La vittima, Eleonora Rioda, era una wedding planner molto apprezzata a livello nazionale e internazionale, considerata come la regina dei matrimoni vip.

Calci e pugni a compagna di classe: ricoverata bambina di 9 anni


VERONA - Ancora scene di violenza a scuola. Una bimba di 9 anni delle elementari è finita in ospedale dopo essere stata presa a calci al basso ventre da un compagno di classe che l'avrebbe presa di mira da tre anni. L'episodio, secondo quanto riporta l'Arena, è avvenuto nel veronese. I referti del pronto soccorso di Villafranca sono stati trasmessi alla Procura e la dirigente scolastica dell'istituto ha avviato accertamenti.

Secondo la testimonianza della bambina, mentre si stava lavando le mani in bagno il compagno l'ha prima spinta violentemente da dietro, facendole sbattere la pancia contro il lavandino, poi l'avrebbe picchiata al corpo e alla testa e infine le avrebbe dato un calcio in mezzo alle gambe.

Le vessazioni del ragazzino, racconta la madre della vittima, "sono un problema per il quale avevo chiesto più volte alle insegnanti di intervenire, senza però ottenere nulla". 

Treviso, maestra con tubercolosi latente contagia bimbi

TREVISO - Paura a scuola nel Trevigiano a causa di un contagio di tubercolosi che si è diffuso tra i bambini di una scuola elementare. Il potente batterio si è risvegliato in una maestra dopo 30 anni di latenza. La notizia, apparsa sulla stampa locale e rilanciata oggi dal 'Corriere della sera', risale al 5 marzo scorso quando l’Usl di Treviso ha varato un piano di emergenza dopo che la maestra e un suo alunno si erano presentati in ospedale con tosse e febbre. 

In seguito si sono ammalati altri sette bambini e una maestra. I sanitari hanno sottoposto a controlli circa 800 persone che frequentano la scuola o che hanno avuto contatti occasionali con l'istituto, al termine dei quali si sono scoperte 10 persone malate di tubercolosi e sono risultate positive al bacillo di Koch 36 persone.

Congresso famiglie, Di Maio: "Mai negare diritti degli altri"

ROMA - "Il problema è che li' c'è chi vuole negare i diritti degli altri. Diritti conquistati con battaglie durate anni. Queste libertà non possono essere messe in discussione per ideologia. Uno può essere contrario all'aborto e non praticarlo, ma mettere in discussione la libertà individuale su questo punto è inaccettabile. È questo il tema. A Verona è stato distribuito un finto feto come gadget, ho letto dichiarazioni sconvolgenti sulla legge sull'aborto, alcuni partecipanti hanno persino negato il femminicidio. E se vai a mangiare al loro stesso tavolo, per me, la pensi come loro. Ma tant'è": lo scrive su Facebook il vicepremier Luigi di Maio

"Ciò su cui non transigo, invece, - aggiunge Di Maio - è proprio questa ridicola rincorsa a strumentalizzare le difficoltà di madri e padri. Si parli di famiglia, d'accordo, ma senza strumentalizzare, come invece sta provando a fare qualcuno, da sinistra a destra. Pensiamo piuttosto a dare incentivi alle giovani coppie, pensiamo agli sgravi fiscali per le famiglie monoreddito con più figli a carico, ad aiutare le mamme a conciliare tempi di vita e di lavoro. La famiglia non è un palco, nè una piazza, è una cosa seria. E la politica ha un altro compito: oltre quello di parlare e organizzare congressi, deve risolvere i problemi!".

Sulla famiglia, afferma ancora il vicepremier, "nel MoVimento ognuno ha le sue sensibilità. Ad esempio per me è madre e padre, non l'ho mai nascosto, e non ho la presunzione di voler imporre la mia idea a qualcun altro. Ma a Verona non ci sono andato comunque. E sapete perché? Perche' il problema è che lì, la madre, non è considerata una donna!".

Congresso famiglie, Salvini: "Tanta polemica, neanche fossi andato a congresso scippatori"

ROMA - "Ci sono stati molti giornalisti che mi chiamavano chiedendomi 'Salvini, ma veramente vai al congresso della famiglia?', neanche stessi andando al congresso degli scippatori o dei molestatori seriali". Queste le parole di Matteo Salvini, leader della Lega, durante il suo intervento al congresso mondiale delle famiglie. (fonte Facebook: Congresso Mondiale delle Famiglie)

Gandolfini: "Dal '78 uccisi 6 milioni di bimbi con l'aborto"

VERONA - "In Italia, dal 1978 a oggi, sono stati uccisi sei milioni di bambini e ne sono stati salvati 200mila. Li ha salvati ad esempio il Movimento per la vita. Ecco lo Stato ha tradito se stesso. ". Lo ha detto Massimo Gandolfini, leader del Family day, a margine del Congresso internazionale delle Famiglie di Verona, parlando dell'aborto. "Da un'unione donna donna e uomo uomo, non nasce una vita, per cui non possono essere genitori. Siamo inoltre convintamente contrari alla maternità surrogata e all'utero in affitto, pratica incivile", ha aggiunto Gandolfini, a margine del Congresso internazionale delle Famiglie di Verona.

Sull'aborto "c'è una legge nazionale che va applicata, e spero che venga applicata completamente, soprattutto nella prima parte". A dichiararlo a Verona il sen. Simone Pillon (Lega) a margine del Congresso delle famiglie. "A me interessa - ha aggiunto - che venga applicata tutta la legge 194, che parla di tutela della donna e della gravidanza soprattutto nella prima parte. Credo che si debba applicare anche quella".

Sul caso interviene il vicepremier Salvini, secondo cui quella sul Congresso sulla famiglia di Verona è una "polemica costruita sul nulla dalla sinistra". "Andrò a ribadire la libertà di scelta di tutti e per tutti - ha detto al suo arrivo in prefettura a Milano -: le conquiste sociali non si toccano, non si discute sulla revisione dell' aborto del divorzio, della libertà di scelta per donne e uomini". "Si ragiona su come aiutare le famiglie italiane: mamme e papà, coi bimbi e coi nonni e uscire da una situazione di povertà che a volte, dopo la nascita di un figlio, ti entra in casa", ha concluso Salvini.

Vincenza, travolta e uccisa dopo la rapina

VICENZA - Ancora un femminicidio in Veneto. Un malvivente ha tirato fuori con la forza da una Mercedes una donna per prenderle l'auto quindi, dopo averla scaraventata a terra, l'ha investita uccidendola. L'uomo è riuscito a guadagnare la fuga su un'altra auto guidata da un complice.

La tragedia a Noventa Vicentina (Vicenza). Oltre alla Mercedes i banditi avevano come obiettivo il denaro che la donna, una veronese di 50 anni, aveva con sè mentre stava facendo, con la nipote, alcune operazioni in vari uffici postali della zona. Fatale il momento in cui è fermata con la piccola nei pressi dell'ufficio postale, lasciando aperta la portiera della sua auto.

Ubriaco investe con un camion un'intera famiglia al parco

VICENZA - Per evitare un controllo stradale da parte della Polizia Locale si è dato alla fuga alla fuga ma ha perso il controllo del camioncino che guidava finendo la sua folle corsa contro il muretto in cemento che delimita un'area verde pubblica, in curva, ed ha investito un'intera famiglia, sbalzando dal passeggino un piccolo di 14 mesi. 

Il bimbo è in gravissime condizioni. Solo leggermente ferita la madre, che in quel momento era accanto al passeggino, e del tutto illesi un fratellino di 4 anni e il padre, che erano invece un po' più distanti.

Il dramma si è consumato a Marostica, nel Vicentino, a poca distanza da piazza degli Scacchi.

Dopo l'incidente il pirata della strada è fuggito a piedi, ma è stato bloccato dai carabinieri, che lo hanno sottratto ad un tentativo di linciaggio. Il piccolo gravemente ferito è stato subito trasportato all'ospedale San Bortolo di Vicenza.

Camorra: maxi-blitz Fiamme Gialle tra Veneto e Campania, 50 arresti

NAPOLI - Le Fiamme gialle hanno portato a termine una maxi-operazione contro la camorra tra Veneto e Campania con 50 misure di custodia cautelare personale per associazione a delinquere di stampo mafioso e vari gravi reati. 

Il Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Trieste e la Squadra Mobile di Venezia stanno eseguendo - in provincia di Venezia, a Casal di Principe (Caserta) e in altre località - anche 11 provvedimenti di obblighi di dimora e di altro tipo disposti su richiesta della procura distrettuale del capoluogo veneto. In corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro.

Medico ucciso in due giorni da virus fulminante


PADOVA - Drammatico epilogo per un medico veneto molto noto, Salvatore Albanese, conosciutissimo per essere uno degli antesignani in Italia dell’accoglienza ai familiari dei pazienti che vengono da lontano per affidarsi alle cure ospedaliere.

Storico presidente dell’associazione Cilla, il dottor Albanese è stato colpito da un batterio sul quale i medici non si sbilanciano, ma che in pochissimo tempo (appena 2 giorni) ha compromesso tutti gli organi vitali.

Martedì scorso Albanese era regolarmente al lavoro, due giorni dopo ha accusato uno stato febbricitante, quindi si è rivolto all’Ospedale di Cittadella, vicino Padova: nel giro di poche ore è stato trasferito in Rianimazione e non è vi più uscito, fino alla morte avvenuta l’altra sera.

Maltempo: Reno rompe argini, salvati sei carabinieri

Italia nella morsa del maltempo: valanghe, fiumi in piena ed esondazioni tengono in allerta il paese, colpito da nevicate e nubifragi. La situazione più critica si registra nella Bassa Bolognese, dove il Reno ha rotto gli argini e l'acqua ha allagato le case circostanti. Sei carabinieri sono rimasti feriti, travolti dall'onda di piena, mentre stavano soccorrendo alcune persone nella Bassa bolognese, dove il fiume è esondato rompendo un argine. I militari sono stati salvati dall'elicottero dei vigili del fuoco e portati in ospedale per ipotermia, ma nessuno è grave. L'esondazione del Reno ha costretto 280 persone ad abbandonare le proprie abitazioni.

Fa paura anche il Po, il cui livello è salito di tre metri in 12 ore per effetto delle piogge intense mentre a Venezia il fenomeno dell'acqua alta ha raggiunto i 113 cm di altezza sul medio mare. Chiusi gli accessi alle banchine del Tevere a Roma, con il superamento della prima soglia di attenzione del livello del fiume Aniene. A Livorno la piena fiume del Cecina allaga le campagne, ma le esondazioni non riguardano i centri abitati.

In Puglia allerta gialle per venti forti di burrasca su tutta la regione, con diversi disagi nel Barese. Mareggiate lungo le coste esposte. Analoga situazione in Campania, dove la Protezione civile ha diramato una nuova allerta meteo per il rischio di frane e allagamenti: la situazione è particolarmente critica per l'esondazione del Sarno in alcuni tratti, che ha provocato allagamenti di case e danni alle aziende agricole. Bollino 'rosso' anche per la pianura emiliana orientale e la costa ferrarese per tutta la giornata di domenica.

Scaraventa a terra neonata e la uccide: arrestata


VICENZA - Dramma nel Vicentino, che ha visto vittima una neonata di tre giorni morta la notte scorsa all'ospedale San Bortolo di Vicenza dopo essere stata scaraventata a terra in casa dalla madre, forse per una crisi "post partum". La tragedia si è consumata la scorsa notte a Lisiera di Bolzano Vicentino. La donna, una 41enne, subito dopo ha tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello.

E' stato il marito della donna ad accorgersi del fatto e a chiamare il 118. Gli operatori del Suem hanno portato la piccola in Terapia intensiva pediatrica, dove però si è spenta all'alba. La madre è piantonata nel reparto di Psichiatria. Al via le indagini dei carabinieri di Thiene.

Vicenza, esplosione in negozio: evacuata palazzina

VICENZA - Paura nel centro storico di Vicenza, dove un'esplosione ha sventrato nella notte un edificio. L'esplosione e le fiamme che sono divampate hanno devastato un laboratorio di riparazione pc oltre ad aver demolito un muro divisorio e fatto saltare i vetri dell'intera palazzina di tre piani.

Ad accorrere sul posto i pompieri con due squadre dalla vicina sede, che hanno spento il rogo del negozio, andato distrutto. Paura per le quattro famiglie residenti nella palazzina che sono state evacuate. Non si regista nessun ferito proprio per la prontezza dei soccorsi.

Sono in corso le valutazioni da parte dei tecnici dei vigili del fuoco presenti con il funzionario di guardia per stabilire le cause della forte esplosione.

Costa Crociere, al via da Venezia il giro del mondo

VENEZIA - Sarà un inizio d'anno indimenticabile per i circa 2.300 ospiti di Costa Luminosa, salpati da Venezia per una crociera che farà il giro del mondo. Il viaggio durerà 112 giorni e porterà i passeggeri alla scoperta di 5 continenti, solcando 3 oceani e visitando 43 destinazioni, per poi fare ritorno in Italia, a Venezia, il 27 aprile 2019.

Si tratta della dodicesima edizione della crociera che Costa ha iniziato a riproporre ogni anno dal 2011, ispirandosi al successo che questo viaggio aveva negli anni Settanta. Dal 2011 circa 60.000 ospiti della compagnia italiana hanno partecipato ad almeno una delle tre tratte del Giro del Mondo, di cui circa 14.000 francesi, 12.000 tedeschi e oltre 11.000 italiani spiega in una nota la compagnia.

Il 'Giro del Mondo 2019' toccherà tra l'altro Brasile, Argentina, Cile, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Indonesia, Singapore, Malesia, Thailandia, Sri Lanka, India, Dubai, Oman viaggiando sempre verso ovest. Già in vendita il Giro del Mondo 2020 e quello del 2021, che avrà un itinerario inedito dedicato all'Africa e all'America, fino a Sud Africa e Terra del Fuoco.

Sub muore annegato nel Lago di Garda

VERONA - Dramma nel Lago di Garda per un sub di 55 anni, nell'area di Torri del Benaco. L'uomo, residente nel Padovano, è stato visto riemergere a 250 metri dalla riva, immobile e a testa in su, da cinque ragazzi del luogo che passavano nella zona in gommone, dopo un'immersione in solitario. Del tutto inutile si è rivelato il soccorso dei sanitari del 118 che non sono riusciti a rianimarlo, ha riferito la polizia municipale di Verona. Ancora incerte le cause del decesso: testimoni hanno riferito che aveva il viso insanguinato, sia sotto la maschera che all'esterno.