Sicilia, maxi-operazione antimafia: arrestato ex deputato regionale

TRAPANI - Le forze dell'ordine hanno assestato un durissimo colpo alla riorganizzazione della mafia di Trapani. Sono 25 gli arresti eseguiti nell'intera provincia dai carabinieri su richiesta dei pm della Dda di Palermo. Tra i destinatari della misura restrittiva anche un ex deputato regionale del Pd, accusato di associazione mafiosa e considerato a disposizione del clan nel regno di Matteo Messina Denaro. L'indagine è coordinata dal procuratore capo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Claudio Camilleri.

Contestati i reati di associazione mafiosa, scambio elettorale politico mafioso, estorsione, danneggiamento e altro. Duecento i carabinieri in azione nell'operazione denominata "Scrigno" che smantella il mandamento mafioso di Trapani e permette, per la prima volta, di individuare l'articolazione di Cosa nostra di Favignana.

La famiglia trapanese aveva creato una nuova cellula sull'isola di Favignana e tre sono finiti in carcere. Arrestati i fratelli capimafia Francesco e Pietro Virga, figli di Vincenzo Virga boss ergastolano di Trapani, in carcere dal 2001 quando fu arrestato da latitante. I due - secondo le indagini - decidevano le cose importanti della famiglia trapanese e avrebbero raccolto voti per il politico, tre volte parlamentare regionale, nella scorsa legislatura anche deputato questore, in cambio di favori e soldi. Il politico è stato arrestato con l'accusa di associazione mafiosa.

0 commenti:

Posta un commento