Mattarella: "Il partenariato tra Italia e Cina è costruito su fondamenta solide"

"Il partenariato tra Italia e Cina è costruito su fondamenta solide, ispirate da convergenze naturale tra due antichissime civiltà. Questo legame si arricchisce costantemente di nuovi ambiti di cooperazione" ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un'intervista ai media cinesi in occasione della visita di Stato in Italia del presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping "Si tratta di un dato di sicuro rilievo. Ho avuto modo di verificarlo già in occasione della visita di Stato che ho avuto l'onore di effettuare a Pechino e in altre tre città cinesi due anni fa. Credo che il merito di questa positiva evoluzione sia da ascrivere, al di là del dialogo efficace assicurato dalle istituzioni dei due Paesi, alla crescente e feconda interazione tra i nostri popoli, così simili per laboriosità e creatività. Due elementi chiave dello spirito che accomunano i nostri due Paesi sono certamente rappresentati dall'ingegno scientifico e dalla cura del patrimonio artistico. Questi aspetti si affiancano all'aspirazione al progresso e al benessere. Aspirazione comune ai nostri popoli e che contribuisce allo sviluppo e alla stabilità globali, ed è fruttuosa anche nei contesti multilaterali. Ci fa piacere riscontrare sensibilità analoga con Pechino. L'Italia è sinceramente votata ai valori della pace, del multilateralismo fondato su regole, e i nostri due Paesi sono tra i maggiori contributori al sistema delle Nazioni Unite, sia in termini di risorse finanziarie, sia nell'ampiezza della partecipazione e dell'impegno nelle operazioni di mantenimento della pace. L'intensificazione dei nostri rapporti economici deve passare attraverso la creazione di un contesto quanto più aperto e trasparente possibile, in cui i soggetti economici dei due Paesi possano agire in maniera equivalente, reciprocamente libera ed equilibrata, con l'eliminazione di barriere che ancora si frappongono ai flussi commerciali. In questo senso l'Italia è impegnata, assieme ai suoi partner europei e internazionali a dialogare con la Cina per permettere alle imprese delle due parti di operare in maniera equa e di favorire l'accesso ai rispettivi mercati, tutelando in particolare la sicurezza degli investimenti e la proprietà intellettuale, nonché principi e standard irrinunciabili, relativi alla sostenibilità degli interventi sotto il profilo sociale, economico e ambientale".