Istat: "Nel terzo trimestre del 2017 deficit/pil migliora al 2,1%"

ROMA - "Nel terzo trimestre del 2017" si legge in una nota dei dati Istat "l'indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 2,1%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2016 (quando era stato del 2,4%). Complessivamente, nei primi tre trimestri del 2017 si è registrato un indebitamento netto pari al 2,3% del Pil, in miglioramento di 0,2 punti percentuali rispetto corrispondente periodo dell'anno precedente. Il saldo primario (indebitamento/accreditamento al netto degli interessi passivi), nel terzo trimestre 2017, è risultato positivo per 5.273 milioni (5.883 milioni nel corrispondente trimestre del 2016). La relativa incidenza sul Pil è stata pari all'1,2% (1,4% nel terzo trimestre del 2016). Nei primi tre trimestri del 2017, in termini di incidenza sul Pil, il saldo primario è stato positivo e pari all'1,5% (1,4% nello stesso periodo del 2016). Il saldo corrente (risparmio) nel terzo trimestre del 2017 è risultato positivo per 5.386 milioni (2.620 milioni nel corrispondente trimestre dell'anno precedente). L'incidenza sul Pil è stata dello 1,3%, a fronte dello 0,6% nel terzo trimestre del 2016. Nei primi tre trimestri del 2017 il saldo corrente in rapporto al Pil è stato positivo e pari allo 0,9% (0,5% nel corrispondente periodo del 2016). Le uscite totali nel terzo trimestre 2017 sono aumentate dell'1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2016. La loro incidenza sul Pil in termini tendenziali si è ridotta di 0,5 punti percentuali. Nei primi tre trimestri del 2017 l'incidenza delle uscite totali sul Pil è stata pari al 46,8%, in riduzione di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2016. Le uscite correnti hanno registrato, nel terzo trimestre 2017, un incremento tendenziale dello 0,5%: i redditi da lavoro dipendente sono aumentati dello 0,1%, i consumi intermedi dello 0,7%, le prestazioni sociali in denaro del 2,4% e le altre uscite correnti dello 0,4%. Gli interessi passivi sono, invece, diminuiti dell'8,4%. Le uscite in conto capitale sono aumentate in termini tendenziali dell'8,2%, con una crescita del 6,8% degli investimenti fissi lordi e del 10,4% delle altre uscite in conto capitale. Le entrate totali nel terzo trimestre 2017 sono aumentate in termini tendenziali dell'1,5% e la loro incidenza sul Pil è stata del 44,1%, in riduzione di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2016. Nei primi tre trimestri del 2017 l'incidenza delle entrate totali sul Pil è stata del 44,5 %, in riduzione di 0,1 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2016. Le entrate correnti nel terzo trimestre 2017 hanno segnato, in termini tendenziali, un aumento del 2,0%; in particolare, a fronte di incrementi delle imposte indirette (+2,8%), dei contributi sociali (+2,1%) e delle altre entrate correnti (5,9%), le imposte dirette sono rimaste stabili Si registra, inoltre, una sensibile riduzione delle entrate in conto capitale, dovuta principalmente alle imposte in conto capitale".

0 commenti:

Posta un commento