Medicina: scoperti nel cervello i neuroni che spengono l'appetito

ROMA - "Sono stati scoperti nel cervello i neuroni che 'spengono' l'appetito. Si attivano in presenza di alcuni cibi e fanno scattare il segnale di sazietà" hanno dichiarato i ricercatori dell'Università di Warwick (Gb).

"Questi neuroni, chiamati taniciti, sono localizzati al centro della regione cerebrale che controlla il peso corporeo e producono un senso di sazietà quando avvertono la presenza cibi ricchi di aminoacidi. Pollo, sgombro, avocado, albicocche, mandorle, lenticchie, spalla di maiale e lombata sono fra gli alimenti più ricchi di questi aminoacidi: mangiandoli, spiegano i ricercatori, ci si sente pieni prima. I livelli di aminoacidi nel sangue e nel cervello dopo un pasto sono un segnale molto importante che fa scattare la sensazione di sazietà. Scoprire il ruolo dei taniciti ha importanti implicazioni per la ricerca di nuovi modi per aiutare le persone a controllare il peso".

Infine, la scoperta potrebbe essere cruciale per sviluppare sostanze che sopprimono l'appetito, in grado di agire proprio sull'interruttore della sazietà. 

0 commenti:

Posta un commento