Brucia lo stabilimento Fiat a Termoli, chiuse autostrade e linee ferroviarie

di BEATRICE GALLUZZO - In quest’estate costellata da incendi- dolosi o meno- l’ultimo riguarda lo stabilimento Fiat di Termoli, in Molise. Il rogo ha avuto origine presumibilmente nelle sterpaglie vicino al polo di “Valle Biferno”, dove si trova appunto il suddetto stabilimento, intorno alle ore 13.

 Le fiamme hanno investito due tensostrutture in plastica dove erano posizionati dei bancali vuoti, ma grazie all’ intervento delle squadre dei Vigili del Fuoco, operanti sia via terra che con due elicotteri e un Canadair, non hanno raggiunto gli impianti produttivi o i siti di stoccaggio di materiali pericolosi. Nell’entroterra, anche il vicino paese di Guglionesi è stato parzialmente evacuato.
Le colonne di fumo levatisi dall’incendio hanno invaso autostrade e linee ferroviarie.

L’A14 è rimasta chiusa in entrambe le direzioni  per venti chilometri, da Vasto Sud e Poggio Imperiale; così come la SS 87 Sannittica, chiusa per 6 kilometri attorno allo svincolo del casello di Termoli e la statale adriatica per 3,5 kilometri. Inoltre,è stata sospesa temporaneamente la linea ferroviaria tra Termoli e San Severo.

Dall’inizio di luglio in Italia sono stati divorati dalle fiamme ben 51.217 ettari di terreno, ovvero un’area equivalente a 71.732 campi di calcio, secondo i dati forniti dallo European Forest Fire Information System.

0 commenti:

Posta un commento