Riina malato, la Corte: "Il Tribunale di sorveglianza riesamini la richiesta scarcerazione"

di ILEANA CIRULLI - Sembrano aggravarsi le condizioni di salute di Totò Riina, l'86enne capo di Cosa Nostra, afflitto da diverse gravi patologie. La difesa del boss mafioso aveva già presentato, nel maggio del 2016, un’istanza al tribunale di sorveglianza di Bologna per la scarcerazione, dovuta proprio allo stato di salute di Riina, ma questa era stata respinta; secondo i giudici dalle relazioni sanitarie presentate emergevano le sue gravi condizioni di salute, ma queste non erano tali da rendere inefficace un intervento in ambiente carcerario.

Gli episodi di crisi cardiaca di Riina erano sotto controllo in carcere e «lo stato di detenzione nulla aggiungeva alla sofferenza della patologia, essendo il rischio dell’esito infausto pari e comune a quello di ogni altro cittadino, anche in stato di libertà»; inoltre ai giudici non sfuggiva la notevole pericolosità di Riina e le conseguenti esigenze di sicurezza e incolumità pubblica.

Tuttavia, la Corte ha analizzato le motivazioni del tribunale di sorveglianza di Bologna e ha scritto che in alcuni punti sono «carenti» e «contraddittorie». La prima sezione penale della Cassazione, questo lunedì 5 giugno, ha reso pubblica una sentenza, con la quale ha annullato con rinvio l’ordinanza del tribunale; ciò non significa che per il boss sia stato deciso un differimento della pena, ma che la decisione finale non è ancora stata presa. La Cassazione ha, poi, ricordato che mantenere una persona in carcere, nonostante il decadimento fisico, può essere contrario al senso di umanità e dignità – prescritti dalla Costituzione senza eccezioni – e potrebbe risolversi in una detenzione inumana, vietata anche dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Ricordando i motivi per cui Riina è in carcere e sta scontando una pena degna di nota - composta da diversi ergastoli -, risulta difficile pensare che abbia diritto ad una "morte dignitosa", per cui non sarà una decisione facile da prendere.

0 commenti:

Posta un commento