Cosenza, 14 misure cautelari nell’ambito di un’operazione contro lo sfruttamento di migranti


di LOREDANA CAVALLO - Importante operazione, da parte dei carabinieri del Comando di Cosenza, contro lo sfruttamento dei rifugiati presenti nei centri d’accoglienza: 14 migranti sfruttati per lavori agricoli, infatti venivano prelevati da due centri di Camigliatello Silano (Cosenza) e condotti a lavorare in campi di patate e fragole o utilizzati come pastori.

Le persone indiziate sono accusate di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, abuso d’ufficio e tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

In particolare, il presidente e due responsabili della gestione di un centro d’accoglienza sono accusati di aver reclutato in modo illegittimo i migranti a loro affidati per poter essere impiegati in nero come braccianti e pastori in diverse aziende del posto, in concorso con i titolari di quest’ultime. I rifugiati ricevevano appena 15-20 euro per una giornata di lavoro pesante di 10 ore.

0 commenti:

Posta un commento