Unesco: premio pace a Giusy Nicolini, sindaco di Lampedusa

(Foto ANSA)

di LOREDANA CAVALLO - La sindaca di Lampedusa Giuseppina Nicolini e l’Ong francese SOS Méditerranée hanno ricevuto il prestigioso Premio Pace dell’Unesco dalla giuria del Premio Houphouet-Boigny, per aver salvato la vita a migliaia di migranti e per averli accolti degnamente.

Da quando la Nicolini è diventata sindaco ha dimostrato la sua enorme umanità e il suo costante impegno per la questione rifugiati e la loro integrazione.

Il Premio, istituito nel 1989, e’ un riconoscimento per tutte le persone o istituzioni che hanno dato il loro prezioso contributo per la ricerca della pace.

La sindaca di Lampedusa ha affermato di essere immensamente contenta del premio in quanto così si nutre ancora di più la speranza di un’Europa solidale e umana, accogliendo fratelli, ebbene sì fratelli, i quali hanno bisogno di un sostegno e aiuto da una nazione che non può chiudere gli occhi soprattutto di fronte a chi non ce l’ha fatta nel suo viaggio in mare; ed è proprio a costoro che la Nicolini dedica il suo Premio alla Pace, ma anche a Gabriele del Grande, il primo che attraverso un sito contò i morti nel Mediterraneo, quando ancora non si era a conoscenza delle terribili e ingiuste morti nel Mediterraneo appunto. “Ora è prigioniero in Turchia e pretendo che il governo del nostro paese riporti quanto prima a casa Gabriele”, ha annunciato il sindaco con decisione.




0 commenti:

Posta un commento