Uber ottiene la sospensione del blocco e torna operativo


di ILEANA CIRULLI - Venerdì scorso Uber era stata colpita da una sentenza del tribunale di Roma, la quale ordinava la sospensione dei servizi di mobilità della suddetta azienda americana, la cui concorrenza reca danni al settore taxi. Tale decisione aveva fatto esultare i conducenti delle auto bianche, ma ieri è arrivata una sentenza che ha, momentaneamente, ribaltato quella precedente. Uber ha presentato una domanda di appello all'ordinanza del Tribunale Civile di Roma, la quale imponeva la sospensione dei suoi servizi di mobilità a partire dalla mezzanotte di domenica, e tale richiesta è stata accolta. I servizi di Uber non verranno bloccati.

E’ stata la società che gestisce l'app che consente di chiamare una berlina nera con autista dallo smartphone a comunicarlo in una nota: «Il tribunale di Roma ha accolto la nostra richiesta di sospensiva dell'ordinanza, che richiedeva l'interruzione dei servizi di mobilità Uber a partire dal 17 Aprile. Siamo molto felici di poter comunicare a tutti i driver e agli utenti di Uber in Italia che potranno continuare ad utilizzare l'applicazione, fino alla pronuncia del Tribunale sul nostro reclamo».

L’azienda, tra l’altro, ha riscosso molto successo in Italia, con oltre mille autisti e 83.000 passeggeri che si affidano ai servizi di mobilità del gruppo, riuscendo ad ottenere ottimi risultati dal punto di vista economico. Tuttavia, si tratta semplicemente di una sospensione dell’ordinanza: l’azienda di trasporto privata è riuscita a convincere le autorità a far proseguire il servizio, in attesa della sentenza di appello.

0 commenti:

Posta un commento