Serie A: Lazio corsara con il Sassuolo. Roma nel segno di Dzeko

(Foto ANSA)

di ANTONIO GAZZILLO - E’ stato un sabato romano, quello di Serie A, perché i due anticipi hanno visto le squadre della capitale, Lazio e Roma, impegnate rispettivamente contro Sassuolo ed Empoli.

Nel match delle 18.00 i biancocelesti guidati da Inzaghi si sono imposti per 2-1 al Mapei Stadium contro un Sassuolo, comunque arrembante e pericoloso, riuscendo così a confermare il quarto posto in classifica e a prepararsi al meglio per il derby di ritorno nella semifinale di Coppa Italia.

Il match è stato sbloccato da un lancio di Missiroli per Berardi che, entrato in area, è stato steso da un’uscita incerta di Strakosha: il rigore concesso è stato realizzato dallo stesso giocatore italiano, a secco da agosto anche a causa di un grave infortunio.

Dopo un paio di occasioni sprecate dai neroverdi, la Lazio è riuscita a pareggiare nei minuti finali del primo tempo con il solito Immobile, al ventesimo gol stagionale, abile a finalizzare una fantastica azione in solitaria di Felipe Anderson.

Nella ripresa l’equilibrio, vero protagonista della partita, è stato rotto dall’ingresso di Lombardi che, dopo un’azione caparbia, è riuscito a crossare una palla che il difensore del Sassuolo Acerbi, con la complicità di Consigli, ha trasformato in autogol.

Nonostante la traversa colpita nei minuti finali da Pellegrini, la Lazio è riuscita a conquistare altri tre punti importanti per la classifica.

Nell’anticipo serale, invece, la Roma ha battuto l’Empoli per due reti a zero portandosi a +5 dal Napoli al terzo posto e a -5 dalla Juventus in vetta alla classifica. La squadra giallorossa solo questa sera quando potrà capire il vero obiettivo della sua stagione dal risultato del big match tra Napoli e Juventus.

Spalletti, che doveva fare a meno di Strootman squalificato, ha schierato tutti i titolari, non curante dell’importante derby di Coppa Italia.

Ma tutto è più semplice quando in avanti hai Edin Dzeko, completamente rinnovato e trasformato, autore di entrambi i gol che hanno steso la squadra di Martusciello. Con questa doppietta il bosniaco si è portato a 23 gol in campionato, concedendosi la gloria di capocannoniere per una notte, e a 33 stagionali, superando il record di marcature in una sola stagione nella storia della Roma.

La prima rete è arrivata su un calcio d’angolo di Paredes, con un tocco sporco di ginocchio. La replica l’ha concessa nella ripresa quando è stato abile ad anticipare Skorupski, su una bella sponda di Salah.

La Roma continua la sua striscia positiva e si prepara ad affrontare il momento più importante della stagione, confidando sulla forza straripante del suo centravanti.

0 commenti:

Posta un commento