Serie A: Juve corsara a Pescara, Roma bloccata sul pari dall'Atalanta. Napoli, vita facile contro l'Udinese

(Foto ANSA)

di ANTONIO GAZZILLO - trentaduesima giornata di serie A si è aperta con il pirotecnico pareggio per 2 a 2 nel derby di Milano. Nel pomeriggio, con lo stesso risultato, la Lazio ha pareggiato a Marassi contro il Genoa; L’Atalanta ha rallentato la Roma concedendo così alla Juventus, vincente a Pescara, il match point scudetto.

Alle 12.30, in un orario insolito, è andato in scena il derby tra Inter e Milan. Le due squadre hanno dato vita ad un match molto vivace ed equilibrato, terminato con il risultato di 2 a 2. I nerazzurri hanno dominato il primo tempo portandosi sul doppio vantaggio prima con Candreva e poi con il ventunesimo gol in campionato di Icardi; i rossoneri hanno rimontato nella ripresa con Romagnoli e con Zapata allo scadere.

Nelle partite delle 15.00, Palermo e Bologna si sono annullati, giocando un match povero di emozioni, complice anche l’espulsione di Pulgar, e producendo un pareggio a reti inviolate.

Al Sant’Elia il Cagliari ha travolto il Chievo, realizzando quattro gol. Protagonista assoluto della partita è stato Joao Pedro, autore di un assist per la rete di Sau, e di una doppietta con cui ha suggellato il risultato finale. A sbloccare il match ci ha pensato Borriello, al gol numero 15 del suo ottimo campionato.

Il Crotone, invece, ha proseguito la sua striscia di risultati utili nella corsa verso la salvezza. Dopo le vittorie contro Chievo e Inter, gli uomini di Nicola hanno ottenuto un importante pareggio all’Olimpico di Torino. Al venticinquesimo gol in campionato di Belotti, arrivato su rigore, ha risposto la rete di Simy, abile a sfruttare un’indecisione di Hart.

La Juventus si è sbarazzata facilmente di un Pescara sempre più condannato alla serie B, facendo un passo importante per la vittoria dello scudetto. All’Adriatico la partita è stata decisa da una doppietta di Higuain, sempre fondamentale in match difficili da sbloccare, al ventitreesimo gol in campionato. Allegri ha risparmiato pochissimi uomini in vista del ritorno di Champions con il Barcellona, perdendo così Dybala, sostituito per un fastidio alla caviglia, dopo un'entrata dura di Muntari, e in dubbio per la prossima gara di Champions.

La Roma è stata fermata in casa contro l’Atalanta che, anche senza il Papu Gomez squalificato, è riuscita ad esprimere il suo gioco e a mettere in difficoltà i giallorossi. Le due squadre hanno prodotto un pareggio per 1 a 1: al gol nel primo tempo di Kurtic, ha risposto la rete del solito Dzeko, appaiato con Belotti in cima alla classifica marcatori.

Dopo la pesante sconfitta in casa contro il Napoli, la Lazio ha fatto ancora un altro passo falso, pareggiando 2 a 2 contro il Genoa della seconda gestione Juric e allontanandosi definitivamente dal terzo posto. Il ritorno al gol di Simeone e la rete del sempreverde Pandev non sono bastati ai rossoblu per vincere la partita; i biancocelesti hanno rimontato due volte con Biglia e Luis Alberto.

Fondamentale è stato il passo dell’Empoli in chiave salvezza. La squadra di Martusciello è riuscita a conquistare i tre punti al Franchi contro la Fiorentina. Krunic prima e il rigore di Pasqual nei minuti finali hanno reso nullo il pareggio viola di Tello.

Nella partita delle 18.00, il Sassuolo è tornato alla vittoria battendo per 2 a 1 una Sampdoria in un ottimo stato di forma. Le reti di Ragusa e Acerbi hanno rimontato quella nel primo tempo di Shick.

Nel posticipo delle 20.45, il Napoli ha avuto gioco facile contro l’Udinese, quasi inesistente, rifilando tre gol alla squadra friulana. Gli uomini di Sarri si sono portati a soli due punti di distanza dal secondo posto occupato dalla Roma grazie alle reti di Mertens, Allan e Callejon.

0 commenti:

Posta un commento