Ricorso alla Corte di Strasburgo per annullare il referendum turco

(Foto CORRIERE DELLA SERA)

di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Il partito kemalista Chp, principale opposizione al governo di Erdogan, ha fatto ricordo alla Corte Europea dei Diritti Umani per annullare il risultato del referendum costituzionale dello scorso 16 aprile. Al referendum ha vinto il "si" con uno stentato 51,4% dei voti, ed erano state lanciate accuse di brogli e presenze di schede elettorali, senza il timbro ufficiale, rese valide dalla commissione elettorale malgrado il ricorso. Ankara ha puntualizzato che l'unica istituzione in grado di annullare tutto è la Commissione elettorale, escludendo la competenza di qualsiasi tribunale. Antonio Tajani presidente dell'Europarlamento ha dichiarato, che il continente europeo non è islamofobo, che l'Ue non vuole chiudere le porte alla Turchia e il popolo turco resta un popolo amico.

0 commenti:

Posta un commento