Falsa cittadinanza italiana: indagato anche Bruno Henrique del Palermo


di ANTONIO GAZZILLO - Nel Napoletano trecento cittadini brasiliani, tra cui alcuni calciatori del campionato italiano, francese e portoghese, hanno ottenuto la cittadinanza italiana in cambio di denaro, nonostante non fossero presenti i requisiti previsti dalla legge.

Tra i nomi coinvolti in questo scandalo, ci sono quello di Bruno Henrique, centrocampista titolare del Palermo, Gabriel Boschilia del Monaco, impegnato anche in Champions League, e Vancan Daniel del Gil Vicente, squadra della serie B portoghese.

I carabinieri di Castello di Cisterna hanno arrestato il responsabile dell’ufficio di Stato Civile di un comune napoletano e il titolare di un’agenzia di pratiche amministrative, accusati di corruzione, falsità ideologica e materiale commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per questo il gip del Tribunale di Nola ha emesso, per i due indagati, finiti agli arresti domiciliari, un’ordinanza di custodia cautelare.

Bruno Henrique in merito alla vicenda ha affermato: "Sono totalmente estraneo ai fatti e a disposizione per fornire tutta la documentazione necessaria a supporto della mia estraneità”.

0 commenti:

Posta un commento