Costa Concordia: giovedì 20 maxi-udienza in Cassazione per Schettino


di LOREDANA CAVALLO - Giovedì 20 aprile inizierà in Cassazione, a Roma, una maxi-udienza riguardante il processo al comandante Francesco Schettino, responsabile principale del naufragio della nave Costa Concordia.

In tale tragedia morirono 32 persone tra passeggeri ed equipaggio, a causa dell’avvicinamento della nave all’Isola di Giglio la sera del 13 gennaio 2012. Furono urtati gli scogli, con il conseguente semiaffondamento della nave.

Alla Suprema Corte, oltre a Schettino, che ritiene eccessiva la condanna a 16 anni e un mese di carcere, fa ricorso la Procura della Corte di Appello di Firenze che aveva già chiesto per l'uomo, 27 anni di reclusione per via delle aggravanti: infatti, egli ha commesso l’errata manovra, e subito dopo si è messo in salvo, mentre il soccorso era in atto. Quindi, l’ex comandante è accusato principalmente per omicidio colposo plurimo, lesioni plurime colpose, naufragio colposo, abbandono di nave e mancate comunicazioni alle autorità marittime.

La maxi-udienza sarà poi aggiornata a un’altra data, che per il momento è fissata per giovedì 4 maggio.

0 commenti:

Posta un commento