Caschi blu collegati a giro di prostituzione minorile ad Haiti


di BEATRICE GALLUZZO - L’agenzia di stampa americana AP rivela il contenuto di una relazione segreta delle Nazioni Unite, contenente un rapporto che evidenzia la connessione tra 134 caschi blu dello Sri Lanka e un giro di prostituzione minorile ad Haiti; i fatti risalirebbero a un periodo compreso tra il 2004 e il 2007. Le prove sono state definite “schiaccianti”, ma nonostante ciò, nessuno dei responsabili pare sia mai andato incontro a delle responsabilità sul piano penale.

Ma l’inchiesta dell’Associated Press prende in considerazione un arco temporale ancora più ampio, sostenendo che negli ultimi 12 anni ammontano a quasi 2000 le accuse di abusi sessuali perpetrati da parte dai cosiddetti caschi blu durante varie missioni di peace-keeping. Più di 300 riguardano dei minori. Uno dei problemi più rilevanti è che l’ONU non ha possibilità circa una soluzione giurisdizionale della questione, che invece dovrebbe essere competenza degli Stati che hanno inviato le truppe. La conclusione è che anche una volta scoperchiato il Vaso di Pandora, solo una parte dei responsabili effettivamente viene arrestata.

Il fenomeno degli abusi sessuali nel corso di missioni di peace-keeping non giunge nuovo nè alle orecchie dell’opinione pubblica, nè a quelle dei vertici delle Nazioni Unite. Infatti, come emerge da un articolo del New York Times di marzo di quest’anno, il Segretario generale Antonio Guterres aveva proposto un “nuovo approccio” da sviluppare, consistente in una serie di regole per prevenire gli abusi sessuali da parte dei caschi blu. Inoltre pianificava di designare dei legali per le vittime degli abusi nelle quattro nazioni in cui i Report mostravano maggiori violazioni: Republica Centrafricana, Haiti, Republica democratica del Congo e Republica del Sudan del Sud. Già più di dieci anni fa però, le Nazioni Unite avevano predisposto un Piano che prometteva di risolvere la questione degli abusi dei peace-keepers, ma le soluzioni erano rimaste per lo più lettera morta.

0 commenti:

Posta un commento