Emiliano sotto accusa davanti al Csm per la sua candidatura a Segretario PD


Il Governatore della Puglia Michele Emiliano ha ricevuto una contestazione dalla procedura generale della Cassazione, nell'ambito del procedimento disciplinare davanti al Csm, per la candidatura a segretario del PD. L'annuncio del procedimento a carico di Emiliano l'ha dato Carmelo Sgroi, sostituto Pg della Cassazione, dichiarando che Emiliano avrebbe di nuovo violato il divieto per i magistrati di iscriversi ai partiti politici.

Il Governatore pugliese ha a carico un'altra simile accusa, per essere stato segretario e presidente del PD della Puglia. L'avvocato di Emiliano, Armando Spataro, ha chiesto il rinvio e di chiamare a deporre come testimoni 9 magistrati coinvolti in politica e che sono tutt'ora in una posizione simile a quella del suo assistito. Richiesta dell'avvocato respinta dal Csm che però ha accolto quella di rinvio del procedimento, che riprenderà il 8 maggio, dopo le primarie del PD che si terranno il 30 aprile.

0 commenti:

Posta un commento