Napoli: 13enne violentato da un gruppo di minorenni. E' la madre a denunciare il tutto


di ILEANA CIRULLI - Un ragazzo di 13 anni, residente a Giugliano, ha subito violenza da parte di un gruppo di 11 suoi coetanei, aventi non più di 14 anni. Gli abusi si sarebbero protratti per anni e sarebbero avvenuti per strada o, alcune volte, a casa di uno degli aguzzini. L'ultima violenza sarebbe stata consumata lo scorso gennaio, mentre un altro episodio d'abuso si sarebbe verificato all'interno del bagno di un campo da calcio, accanto alla parrocchia San Marco nel quartiere Camposcino.

A denunciare il fatto, però, non è stato il ragazzino, affetto da una lieve disabilità mentale, ma la madre che, dopo aver pedinato il figlio e il gruppetto, ha notato atteggiamenti strani. I carabinieri sono riusciti ad identificare tutti i presunti componenti del branco e, per otto di loro, è stato disposto l'accompagnamento in comunità, mentre i due che hanno meno di 14 anni non sono imputabili.

Inoltre, questo lunedì, la Giunta approverà una Delibera, con lo scopo di realizzare uno sportello finalizzato alla prevenzione del bullismo in collaborazione con le istituzioni scolastiche. L'assessore alle Politiche sociali, Vincenzo Mauriello, ha affermato: "I nostri servizi sociali sono recentemente intervenuti su diversi episodi di bullismo, evidenziando la necessità di rafforzare la rete di prevenzione".

0 commenti:

Posta un commento