Lavoro: in IV trimestre 2016 ripresa tempo determinato, voucher in calo

di MARCO MONGELLI - In aumento nel IV trimestre 2016 il lavoro dipendente in Italia rilevato in base delle Comunicazioni obbligatorie al ministero del Lavoro: +64mila posizioni a tempo determinato e di +19mila posizioni a tempo indeterminato. Quest'ultime crescono di più dal secondo trimestre 2016, invertendo la tendenza dei 5 trimestri precedenti. A fare il punto sul mercato del lavoro italiano è la Nota trimestrale congiunta sulle tendenze dell'occupazione diffusa oggi dal ministero del Lavoro, Istat, Inps e Inail. Dal confronto dei dati tendenziali relativi delle Comunicazioni obbligatorie si osserva una ripresa del lavoro a tempo determinato negli ultimi tre trimestri (+41 mila, +61 mila, +133 mila). Questi segnali si rafforzano se si considerano le imprese industriali e dei servizi. E si osserva, un significativo rallentamento della crescita - pur ancora positiva - delle posizioni lavorative a tempo indeterminato.

Per quanto riguarda i voucher, nel 2016 i dati Inps indicano che sono stati venduti 134 milioni, il 24% in più rispetto all'anno precedente. Nel quarto trimestre sono stati venduti 32,8 milioni di unità (30,6 milioni nel quarto trimestre 2015) con una sensibile riduzione nel tasso di crescita tendenziale (+7,2% rispetto a +25,3% nel terzo, +32,2% nel secondo e +35,7% nel primo). Dopo 15 trimestri di progressiva riduzione tendenziale, il numero dei lavoratori a chiamata o intermittenti (Uniemens-Inps) cresce del 2,5% e si attesta in media a 128mila unità a fronte di una sostanziale stabilità del numero medio di giornate retribuite nel mese (intensità lavorativa pari a 10,5 unità). Il numero dei lavoratori coinvolti nel lavoro somministrato continua a crescere a tassi tendenziali molto elevati anche nel IV trimestre 2016 (+12,9%) a fronte di una stabilità di intensità lavorativa (20,9 giornate retribuite nel mese).

0 commenti:

Posta un commento