Si costituisce il Fronte della Gioventù Comunista in Puglia


Negli scorsi giorni si è costituito anche in Puglia il Fronte della Gioventù Comunista (FGC), l’organizzazione giovanile comunista che da diversi anni porta avanti le proprie lotte nelle scuole e nelle università di tutta Italia, organizzando gli studenti e i giovani lavoratori contro questo sistema economico.

“Le motivazioni che ci hanno spinto in questa direzione sono molteplici: da decenni si prosegue verso l’aziendalizzazione della scuola pubblica, il privato ha sempre più spazio e la competitività diventa il valore assoluto. I continui tagli ai finanziamenti alla scuola statale hanno costretto gli istituti a rifarsi sulle famiglie attraverso la riscossione del contributo ‘volontario’, cresciuto del 200% dalla fine degli anni ’90. Stessa sorte colpisce il sistema accademico statale, soprattutto al Mezzogiorno. La drastica diminuzione di trasferimenti statali alle università pubbliche si ripercuote non solo sulla didattica e sulla ricerca ma anche sui servizi essenziali: dalla carenza del personale, all’impossibilità di garantire borse di studio a tutti gli idonei.” Queste le parole di Francesco Spedicato, responsabile locale del FGC. “Ci troviamo di fronte ad un’istruzione sempre più di classe. Solo chi possiede il denaro da investire nella formazione riesce ad andare avanti! La crisi sociale, economica e occupazionale fa da sfondo. Precariato, contratti ‘leggeri’ e voucher segnano la condizione occupazionale della gioventù delle classi popolari e rendono impossibile programmare in relativa sicurezza la propria esistenza. L’attacco al lavoro e ai diritti sociali hanno portato la nostra società ad essere profondamente iniqua. Viviamo in un mondo dove 8 capitalisti detengono la ricchezza di metà dell’umanità. Ecco perché è necessario organizzare la gioventù popolare. Invitiamo tutti gli studenti medi, universitari, i giovani lavoratori che non hanno intenzione di chinare la testa di fronte ad un futuro di precarietà e sfruttamento ad unirsi a noi.”

0 commenti:

Posta un commento