Live pro Abruzzo, Fernando Proce per raccogliere fondi da destinare ai terremotati

Non possiamo continuare ad assistere impotenti alle lungaggini, ai tempi morti della burocrazia, BASTA. Interveniamo direttamente: “Voglio scendere in campo e tradurre il dolore in azione costruttiva.” Con queste parole, Fernando Proce (conduttore di Rtl 102.5 ed editore di Salentuosi La Radio Sale e Radio Movida Gallipoli) ha annunciato l’intenzione di dar vita, con alcuni colleghi e i suoi Salentuosi, ad un evento musicale itinerante a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto: “La costruzione di un amore– Live pro Abruzzo”.

Una sorta di roadshow dal Sud al Nord della penisola in missione di solidarietà. Si partirà a Febbraio, da Gallipoli, per poi proseguire: Foggia, Verona, Milano. Queste, almeno per ora, le città individuate, ma i Salentuosi si stanno muovendo per individuare altre location nel centro Italia. In poche ore gli organizzatori hanno già raccolto l’adesione del Sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, di alcune aziende locali, di imprenditori milanesi dello show business, come Paolo Chiparo, di pr e artisti veronesi, come Fabio Casarotti, e di molti artisti salentini, come Fulvio Palese e Kombass (Après la classe), che hanno dato la loro disponibilità a contribuire. Ma i Salentuosi e Fernando Proce lanciano un appello ad unirsi a loro ad artisti, enti, associazioni ed imprese – su tutto il territorio nazionale - che vogliano fare qualcosa di concreto per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto e contribuire a ricostruire le loro case, i loro Paesi, IMMEDIATAMENTE!

Il titolo “La costruzione di un amore”, ispirato alla canzone di Ivano Fossati, è stato scelto proprio guardando le immagini di distruzione che provengono dai paesi abruzzesi, con la volontà di contribuire alla ricostruzione di quelle terre.

Gli incassi delle serate verranno interamente devoluti alle popolazioni abruzzesi vittime del terremoto, e consegnati DIRETTAMENTE da Fernando Proce ai primi cittadini dei Comuni coinvolti.

0 commenti:

Posta un commento