Libia: Identificati i tre attentatori dell'ambasciata italiana a Tripoli


di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Sono stati identificati gli autori dell'attentato all'ambasciata italiana a Tripoli, lo scorso 21 gennaio., Gli attentatori che sono morti durante il parcheggio di un'autobomba vicino all'ambasciata facevano parte delle milizie del generale Khalifa Haftar ed erano due, ma non si esclude la presenza di un terzo soggetto, con il compito di recuperare i killer e fuggire. L'inchiesta che sembra proseguire molto velocemente è gestita dai poliziotti delle milizie "Rada" comandate da Abdel Rouf Karah e quella delle "Tripoli revolutionaries brigantes" del maggiore Hitam Tajuri. Gli inquirenti italiani hanno già ottenuto dalla polizia libica, attraverso i telefonini e il DNA, i nomi dei tre attentatori, Milood Mazin, Mamza Abu Ajilah e il presunto terzo uomo Omar Kabout. Quest'ultimo sarebbe un "senior commander" delle milizie del generale Haftar, che più volte ha dichiarato "la presenza degli italiani in Libia è un nuovo atto coloniale". L'attacco alla sede della diplomazia italiana, potrebbe essere intesa dal nostro Governo come un 'avvertimento' anti-italiano, che potrebbe aprire ad una crisi nei rapporti tra i due Paesi.

0 commenti:

Posta un commento