Italicum: attesa per oggi la decisione della Consulta


di ILEANA CIRULLI - Dopo un'udienza durata una mattinata per le arringhe dei legali, che hanno impugnato la legge, e un’ora nel pomeriggio per l’avvocatura dello Stato, che ha chiesto invece di confermare la legittimità dell’Italicum, la Corte Costituzionale ha deciso di rinviare la decisione sulla legge elettorale ad oggi. La Consulta si riunirà in tarda mattinata - 13-13:30 -, come confermato dal Presidente, Paolo Grossi, tramite il segretario generale Carlo Visconti.

Questo breve rinvio fa capire che bisogna ancora approfondire alcuni punti, su cui non si è raggiunta una convergenza totale, ma il fatto che sia stato indicato un’orario è segno che i contenuti del verdetto ci sono.

Quasi certamente verrà bocciato il ballottaggio, il quale potrebbe produrre asimmetria in un sistema con due Camere. Meno probabile, invece, è la cancellazione del premio di maggioranza: l'Italicum fissa una soglia del 40%, sotto la quale il premio non è attribuito; a detta di diversi giuristi, il premio per l'elezione di una Camera ha effetti di stabilizzazione sull'altra, aiutando le intese tra i partiti.

Inoltre, la Consulta dovrà rivedere e motivare un intervento sui capilista bloccati e uno sulle multicandidature che dovrebbero cadere, ma se il Parlamento vorrà reintrodurle, dovrà abbassare il numero. Riguardo all’opzione sul collegio in cui essere eletti, ne dovrà essere rivisto il meccanismo.

0 commenti:

Posta un commento