Renzi, "Rischiamo di tornare alla Prima Repubblica"

(ANSA)
Si è tenuta oggi la prima riunione dell'assemblea del Pd dopo le dimissioni di Renzi e la nascita del governo Gentiloni. Renzi è tornato sul palco accolto da una standing ovation e, pur ammettendo la sconfitta, rivendica quanto fatto dal governo. "Abbiamo perso - ha detto Renzi - ho perso il referendum. E anche questo ha segnato in modo molto forte il dibattito politico europeo".

"Faremo un'analisi molto dura, spietata, innanzitutto con noi stessi di quello che è accaduto al referendum. Un'analisi seria e severa, ma anche un sano senso di passione per la cosa pubblica devono segnare questa assemblea".

"Non abbiamo perso, abbiamo straperso" il referendum costituzionale. "E chi fa giri pindarici per dire che abbiamo preso un sacco di voti dice la verità, ma non dice che il 41% è una sconfitta netta. Sognavo di prendere 13 milioni di voti, ne abbiamo presi 13 e mezzo ma la straordinaria partecipazione ha portato a non far bastare quei 13 milioni e mezzo di voti".

Ma prosegue l'ex premier: "Abbiamo fatto riforme molto profonde; se due ragazzi si amano e, indipendentemente dall'orientamento sessuale, ora possono vivere insieme è grazie a una riforma del Pd". "Queste riforme non puzzano, segnano la grandezza del Pd". Ora, però, ha osservato: "Eravamo a un passo dalla Terza Repubblica e invece rischiamo di tornare alla Prima, senza la qualità della classe dirigente della Prima Repubblica".

Poi l'attacco ai Cinque Stelle. "Qui a Roma voglio dire che la politica non è l'indicazione delle cose che non vanno, l'urlo di chi dice No e non propone un'alternativa. Se si fa così politica, il Paese non va da nessuna parte, si blocca il Paese. Se per bloccare la corruzione si bloccano le Olimpiadi, si blocca la propria città. E forse per bloccare la corruzione bisognerebbe scegliere meglio i collaboratori". "Agli amici di M5s potremmo proporre questo patto: smettete di dire bufale sul Web e noi non diremo la verità su di voi, e cioè che siete una azienda privata che firma contratti con gli amministratori. Lo diremo alle prossime elezioni".

0 commenti:

Posta un commento