Renzi: "Le prossime elezioni si voterà con il proporzionale"

ROMA - "Temo che la gente non lo abbia capito, ma con la vittoria dei No al referendum costituzionale si è concluso un ciclo. Non avremo più uno che governa, ma tutti che inciuciano. I cittadini perderanno il potere di scegliersi i governi, le decisioni politiche più importanti verranno prese da pochi nel buio del Palazzo. Insomma, è tornata la Prima Repubblica. E non ne usciremo facilmente" ha dichiarato il premier uscente Matteo Renzi in un colloquio con il Quotidiano Nazionale.

"I parlamentari faranno melina nella speranza di arrivare a settembre in modo da incassare i vitalizi. È una vergogna, lo so, ma non mi aspetto niente di diverso. Alle prossime elezioni, presumibilmente a giugno, si voterà con il proporzionale e con il Consultellum. Senza più il Senato che dà la fiducia al governo e con l’Italicum avremmo consolidato il quadro politico e istituzionale. Erano riforme coerenti con l’idea di governi responsabili fondati su maggioranze parlamentari chiare e definite.  Gentiloni ha le qualità, farà bene. Gli auguro in bocca al lupo. Quando ho detto che avrei smesso con la politica intendevo dire che avrei smesso di essere pagato dalla politica, e così è stato. Non sono parlamentare, non ho stipendi, prebende né garanzie. Eppure, ho mollato lo stesso"

0 commenti:

Posta un commento