Padoan: "La richiesta dell'aumento di capitale di MpS è votata dalla vigilanza della Bce"

"La richiesta di 8,8 miliardi per l’aumento di capitale di Monte dei Paschi è una decisione votata dal board della vigilanza della Bce, anche se a maggioranza e non all’unanimità, e come tale non è contestabile perché la vigilanza è un’autorità indipendente. Detto questo, sarebbe stato utile, non dico gentile, avere dalla Bce qualche informazione in più sui criteri con i quali si è arrivati a questa valutazione" ha dichiarato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, in un forum con il Sole 24 Ore "Conoscere i criteri della valutazione della vigilanza è utile perché può dare indicazioni anche per gli altri istituti e per le altre Autorità. La spiegazione consentirebbe anche alle altre banche di capire il modo giusto di porsi quando si rivolgono alla Bce per un aumento di capitale, per fusioni e acquisizioni o in occasione di qualunque altra operazione che richiede la sua approvazione. Per questo oltre alla lettera, di cinque righe e tre numeri, sarebbe stata utile qualche spiegazione, perché la mancanza di informazione si traduce in opacità e le cose opache inducono a interpretazioni quasi sempre sbagliate. Per ottenere la ricapitalizzazione precauzionale, la banca deve presentare un nuovo piano industriale alla Bce e alla direzione generale Competitività della Commissione europea: un piano da discutere passo dopo passo, anche sulla base delle informazioni integrative che contiamo di avere da queste Autorità. Questo processo porterà poi all’effettivo aumento di capitale in un arco di tempo che io immagino possa essere di due o tre mesi. Nel quadro delle soluzioni proposte dalla banca con il business plan, per esempio sulle modalità di gestione dei crediti in sofferenza, l’interlocuzione con le Autorità ci permetterà di capire l’aumento di capitale considerato effettivamente necessario".

0 commenti:

Posta un commento