Gentiloni: "Servirò con umiltà gli interessi del Paese"

ROMA - "Per il tempo necessario in questa delicata transizione servirò con umiltà, e con me tutto il governo, gli interessi del Paese" ha dichiarato il premier Paolo Gentiloni, intervenendo in Senato per chiedere la fiducia sul suo esecutivo.

"Questo governo deve innanzitutto completare l'eccezionale opera di riforma, innovazione, modernizzazione che è stata fatta in questi ultimi anni. Un accento particolare l'ho voluto dare al tema del lavoro e del Sud, uno dei luoghi nei quali si manifesta la maggiore potenzialità del nostro Paese. Non abbiamo in testa operazioni all'antica con il ministero del Mezzogiorno. Non siamo innamorati della continuità, avevamo chiesto una maggiore convergenza, ma dalle forze politiche c'è stata indisponibilità. La presa d'atto di questa situazione ha spinto le forze che compongono la maggioranza a formare questo governo. Per responsabilità. Sarebbe stato più utile sottrarsi a questa responsabilità, ma il segno di questo governo si fa carico di questa situazione. C'è l'urgenza di dare al nostro sistema regole che consentano di votare in modo armonizzato, indipendentemente dalla durata dell'esecutivo. Il Governo non sarà attore protagonista, sarà facilitatore, ma solleciterà questo percorso".

0 commenti:

Posta un commento