Mattarella: "Dobbiamo assicurare la ricostruzione nei paesi colpiti dal terremoto"

GERUSALEMME - "Un altro giorno di tristezza grava sul nostro Paese. Dopo i giorni di fine agosto, in cui abbiamo pianto delle vittime, il sollievo perché non vi sono vittime in questi giorni non impedisce che ci si renda conto della gravità di quello che è avvenuto, delle gravi conseguenze del terremoto. Molte persone hanno perso la propria casa, molte altre hanno paura a rientrarvi nelle regioni interessate, in una vasta parte del nostro Paese" ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando con i giornalisti a Gerusalemme, in merito al sisma nel centro Italia.

"Non possiamo dimenticare che nei Paesi colpiti dal terremoto di fine agosto era iniziata la ripresa, la ricostruzione. Quanto avvenuto negli ultimi cinque giorni ne aumenta le difficoltà. Dobbiamo assolutamente difendere e assicurare la ricostruzione e la ripresa di quei territori. Occorre naturalmente esprimere a tutti i nostri concittadini così numerosi colpiti sostegno e grande solidarietà. Occorre il contributo di tutti, di ogni territorio, di ogni parte, di ogni opinione, perché ai tanti nostri concittadini in difficoltà venga garantito il diritto, l'esigenza di potere vivere nelle loro case con tranquillità. Sono giorni in cui molti nostri concittadini hanno difficoltà gravi nella loro vita, occorre sorreggerli e lo Stato deve essere e sarà loro vicino perché vengano superate queste difficoltà. Naturalmente, con preoccupazione e con grande attenzione. Sono informato costantemente, comprendo l'allarme che c'è nelle persone che vivono lì. L'attività e l'impegno che si stanno svolgendo sono stati pronti ed efficaci, vanno tradotti in azioni di solidarietà e di sostegno alla preoccupazione che c'è in tanti nostri concittadini".

0 commenti:

Posta un commento