Manovra, Padoan: "Se l'Ue la boccia rischia la fine"

ROMA - "L'Europa deve scegliere da che parte stare. Può accettare il fatto che il nostro deficit passi dal 2 al 2,3 per cento del Pil per far fronte all'emergenza terremoto e a quella dei migranti. Oppure scegliere la strada ungherese, quella che ai migranti oppone i muri, e che va rigettata. Ma così sarebbe l'inizio della fine". Lo dichiara il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in un'intervista a Repubblica in cui si leva "qualcuno dei tanti sassolini rimasti nelle scarpe" perché, dice, in molti "hanno guardato al dito più che alla luna, e la luna è una manovra con meno tasse e più attenzione alla crescita, in coerenza con quello che abbiamo già fatto negli anni passati".

"Le indicazioni che vengono dal G20 sono tutte indirizzate alla crescita, contro l'austerità e per contrastare le diseguaglianze. In questo senso l'Italia con questa manovra può essere un modello per l'Europa", dichiara Padoan, secondo cui l'1% di crescita nel 2017 è "una stima prudente". "Oggi il problema non è dire sì o no all'Europa, ma dire sì a un' Europa diversa, che non stia ferma e invece si muova".

0 commenti:

Posta un commento