CGIA: dal 1 gennaio 2017 aumento del prezzo di benzina e gasolio

Scongiurato, almeno per il 2017, l’aumento dell’Iva, dal prossimo 1° gennaio del 2017 è comunque previsto un rincaro della benzina e del gasolio per autotrazione che dovrebbe aggirarsi attorno ai 0,005 euro al litro (mezzo centesimo di euro). 
La denuncia viene dalla CGIA che ricorda che la legge di Stabilità del 2014 (Governo Letta) ha previsto per il biennio 2017-2018 un aumento delle accise sui carburanti in modo tale da reperire risorse aggiuntive rispettivamente di 220 e 199 milioni di euro. Sarà un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a stabilirne l’entità, ovvero l’importo che andrà ad aumentare la tassazione sui carburanti. 
"Speriamo che con la legge di Bilancio 2017 l’Esecutivo sterilizzi questo rincaro. Sebbene il prezzo del petrolio sia molto contenuto, il prezzo del carburante alla pompa rimane troppo elevato soprattutto a causa del livello di tassazione che su un pieno di benzina incide per il 69 per cento e in quello di gasolio per il 67 per cento. Un livello che in entrambi i casi è al top in Ue" ha dichiarato il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo "Se questo ritocco all’insù delle accise non verrà bloccato, oltre agli automobilisti saranno penalizzate tutte le categorie che utilizzano quotidianamente un’auto o un camion per ragioni professionali: come i taxisti, gli agenti di commercio, gli autonoleggiatori, gli autotrasportatori e i piccoli padroncini".

0 commenti:

Posta un commento